L’importanza dello studio…

Doposcuola alla Mensa dei Bambini di Milano, 1940. ACDEC, Fondo Israel Kalk, Album 2 – La Mensa dei Bambini

Appena avviata la Mensa dei Bambini, Kalk si preoccupa molto dei loro studi. Vuole che vadano a scuola e che imparino l’italiano, tanto che pone come condizione di ammissione alla Mensa l’attestato di frequenza regolare rilasciato da una scuola ebraica. Scrive Lucia Realini: “L’ attenzione di Kalk per l’istruzione dei bambini non si limitava però alla frequenza scolastica. L’istituzione forniva loro quaderni, libri, matite, pagava il biglietto del tram e, iniziativa altrettanto necessaria, garantiva la possibilità di un ‘doposcuola’.” Lucia Realini, La Mensa dei bambini a Milano 1939-43, pag. 372

Pensi che sia importante conoscere la lingua del paese dove abiti, anche se solo per un periodo?

Secondo te andare a scuola è importante o necessario?

Nella tua classe quanti bambini provengono da altri paesi? Quanti hanno difficoltà perchè non parlano e comprendono bene l’italiano?
Quanti bambini della tua classe conoscono più di una lingua?

Informati se nelle scuole italiane possono iscriversi tutti i bambini, anche quelli che non hanno un regolare permesso di cittadinanza.
Ci sono casi in cui  sono richiesti documenti particolari?

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...